Preziosissimo Sangue


Vai ai contenuti

Menu principale:

 
 


GIARDINO DELLA VITA NELLA PALUDE

E' trascorso più di mezzo secolo dalla posa della prima pietra dell’Istituto “Preziosissimo Sangue” in Latina che sarebbe divenuta ben presto la pietra miliare su cui fondare un grande complesso per accogliere le migliaia di bambini, adolescenti, giovani e famiglie che lì avrebbero forgiato le loro menti, educato i loro cuori, conosciuto e sperimentato l’amore e la carità del sangue preziosissimo del Signore Gesù secondo il carisma di Santa Maria De Mattias, la fondatrice delle suore Adoratrici del Sangue di Cristo, che con generosità e totale abnegazione gestiscono tale impresa.
Era infatti il 1958 quando le suore, dietro invito e sostegno delle locali autorità civili, scolastiche  e religiose, aderirono con entusiasmo alla proposta di edificare nel cuore della palude, in quella che sarebbe stata denominata Via Gian Battista Vico, uomo  appartenente alla grande cultura italiana, una sede per farvi fiorire creature ricche di talento, accompagnarle nel loro cammino di vita, condurle gradualmente a sperimentare il loro ruolo nella società, a sognare e adoperarsi fattivamente per costruire un mondo di pace e di fraternità.
Tutte le autorità e la gente del quartiere accolsero con calore la comunità delle prime tre suore, suor Evelina Felici, suor Adele Zinai e suor Incoronata Capobianco quando giunsero a Latina il 15 aprile 1961 per costituirvi la prima comunità e subito ne chiesero l’apertura della scuola dell’infanzia, nonostante l’anno scolastico volgesse al termine.
Il 2 maggio 1961 furono 40 i bambini che riempirono di vita e di gioia i primi ambienti disponibili a tale scopo.
L’estate servì per organizzare altri ambienti e accogliere altre suore dedite alla scuola e agli altri servizi di custodia e di accoglienza.
Il 1° ottobre 1961 i bambini divennero 132; nel pomeriggio era la volta dei fanciulli frequentanti la scuola statale per il doposcuola; numerose signore e signorine vi frequentavano la scuola di cucito e di ricamo; signore professioniste, docenti, impiegate a diverso livello vi trovarono ospitalità. Era tutto un dispiegarsi di vita e di lavoro.
La missione delle suore tuttavia non si è mai limitata alla scuola, ma attraverso la catechesi, la liturgia, la carità, si è estesa alla parrocchia Immacolata e a altre comunità parrocchiali nascenti nelle zone che intanto venivano a popolarsi.
Alla scuola dell’infanzia seguì da subito quella primaria e, nel 1965, la scuola secondaria di 1° grado che venne affidata alla competente professionalità delle professoresse: suor Filomena Caldarozzi e suor Elisa Cianfoni. Furono ancora loro ad accogliere contemporaneamente dal Provveditore agli studi di Latina l’invito ad istituire la scuola magistrale per formare le educatrici della scuola dell’infanzia. Tantissime le giovani che frequentarono e si diplomarono negli anni a seguire.
Il servizio prettamente scolastico veniva parallelamente arricchito da attività di integrazione attraverso laboratori teatrali, artistici e musicali.
La comunità educante ha sempre dato prova di attenzione, di dialogo e di collaborazione armonica con le famiglie dalle quali si è sentita e si sente sostenuta e incoraggiata. Ad esse continua a offrire il suo sostegno e la condivisione dell’avventura affascinante della formazione delle nuove generazioni.
Su queste basi benedette dal Signore, di amore e di lavoro sodo dell’intera comunità educante poggia la realtà scolastica di oggi quale Istituto paritario comprensivo che include la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di 1° grado.
Questo Istituto ha nel suo cuore le sorelle anziane e malate che, con il dono della loro sofferenza e della preghiera, sono il polmone nascosto e vitale di tutta l’azione educante, formativa, di accoglienza che ivi si svolge.

Suor Emila Donati



 

Torna ai contenuti | Torna al menu